Lessons in Italian

OUTLINE FOR TEACHERS in Italian

Persone di colore nella Bibbia, Suggerimenti per gli Insegnanti
Obiettivi

1. Aiutare a far capire alla classe che per Dio tutti i Suoi figli sono uguali
2. Autare la classe a capire e conoscere le verità sulla pelle di colore
3. Aiutare la classe a dipendere dal continuo studio di tutte le scritture e ad affidarsi allo spirito del Signore per ricevere la verità e per aiutare gli altri
Nota Bene: Questi suggerimenti sono stati concepiri come breve introduzione sull’argomento. Per avere più riferimenti scritturali sul tema, vedere il dvd 2 di The Blacks in the Scriptures

Lezione 1

Chiedi a un volontario (Caucasico) di indossare una maglia bianca. Chiedi alla classe di che colore sia la maglia. Chiedigli di immaginare una scala di colori che ha il bianco come colore finale. Chiedi alla classe qual è il primo colore della scala cromatica (Nero). Chiedi alla classe qual’ è il colore che si trova a metà della scala cromatica (Grigio). Chiedi a questo punto alla classe quale sia il colore della faccia del volontario. I tuoi studenti non potranno dire “Bianca,” perché c’è una netta differenza tra la sua faccia e il colore della maglietta.

Chiedi alla tua classe di che colore diverrebbe la faccia del volontario se venisse gradualmente oscurata (Marrone). Esatto, siamo tutti nella scala cromatica del marrone. Non ci sono dei veri neri o dei veri bianchi. Queste categorie di differenziazione sono state create dell’uomo per giustificare l’umiliazione dei suoi fratelli.

Esempio Alternativo

Fai passare tra la classe alcuni braccialetti colorati e chiedi ad ogni studente di prendere quello che più si avvicina al colore della sua pelle. Quando tutti avranno scelto il colore più appropriato fai notare che tutti i braccialetti solo nella scala cromatica del marrone. Questo esempio dimostra non ci sono neri o bianchi, ma che siamo tutti, chi più chi meno, marroni. Bianchi e neri sono termini che separano e sono stati creati dall’uomo per giustificare l’umiliazione dei suoi fratelli.

Scritture e Applicazione

COLORE DELLA PELLE

• 1 Samuele 16:7
Discuti con la classe che il Signore ha insegnato a Samuele a non guardare l’apparenza, ma a giudicare il valore personale. Fai presente che il Signore non vede ciò che vede l’uomo, Egli guarda il cuore mentre l’uomo giudica dalle apparenze esteriori. Poni la seguente domanda: se il Signore ha insegnato a Samuele a non valutare le apparenze, ma a giudicare il valore personale, manterrebbe le Sue leggi se cambiasse questo principio a causa del colore della pelle (suggerisci Caino, Cam o i Lamaniti), incoraggiando così l’uomo a giudicare dalle apparenze per valutare il valore personale? Incoraggia gli studenti ad avere questo principio in mente mentre valutano i riferimenti al colore della pelle nelle Scritture.

• Alma 55:4-8

Fai prensente di come Moroni avesse dovuto cercare tra la sua gente un discendente di Laman, perché nessuno dei suoi spiccava per il colore della sua pelle. Non c’è bisogno di cercare Afro-Americani in un rione di Salt Lake City, ce ne pochi e si distinguono talmente bene che il “cercarli” sarebbe infruttuoso. Fai presente che Laman e il manipolo di uomini di Moroni si finsero Lamaniti, e i veri Lamaniti non si accorsero che erano Nefiti. La scrittura dice che quando erano tutti insieme, “lo ricevettero con gioia” perché non capirono che stavano per essere ingannati da Nefiti che si fingevano Lamaniti.

• Geremia 8:21 e Geremia 14:2

Leggete questi versetti e seguite, nelle note a piè di pagina, la parola “black.” I riferimenti successivi dimostrano che ci si riferisce allo stato spirituale e non al colore della pelle (LDS edition King James Version, ndt, la traduzione italiana della SBBF rende proprio il concetto di annebbiamento spirituale). Aiuta i tuoi studenti a capire che il mettere note a piè pagina rende più chiari i concetti di una data parola ebraica. La Bibbia è una traduzione di scritti antichi in una lingua non nostra, e spesso, i significati delle parole non hanno diretta corrispondenza nella nostra lingua. Per questa ragione è necessario aumentare lo studio delle scritture e la preghiera per poter giungere a una comprensione chiara (leggi con la classe DeA 1:24).

• 2 Nefi 5:21

Leggi e chiedi alla classe che cosa si intende con “pelle” in questo versetto. A seconda delle loro risposte, ricorda loro la legge insegnata dal Signore al profeta Samuele in 1 Samuele 16:7. Leggi la seguente citazione dell’Anziano Bruce R. McConkie, presa da un discorso ai dirigenti del CES dell’Agosto 1978, solo due mesi dopo la rivelazione che estendeva il sacerdozio a tutti gli uomini degni:
“Dimenticate tutto quello che io ho detto, o che Presidente Brigham Young o che Presidente George Q. Cannon o chiunque altro abbia mai detto prima e che ora è contrario alla presente rivelazione. Abbiamo parlato con una comprensione limitata e senza la luce e la conoscenza che è ora giunta nel mondo.Noi riceviamo la nostra verità linea su linea e precetto su precetto (2 Ne. 28:30; Isa. 28:9-10; DeA 98:11-12; 128:21). Siamo stati inondati da nuova intelligenza e luce su questo particolare argomento che cancellano l’oscurità e tutte le opinioni e pensieri del passato. Non contano più.”

Spiega alla classe che, grazie alla nuova luce e conoscenza, abbiamo ricevuto una nuova edizione delle Scritture tre anni dopo il 1978, che ci aiuta nel chiarire tutto quello che era stato mal inteso.

Segui la nuova nota a piè pagina “d” sulla parola “pelle” in 2 Nefi 30:6 (ndt, non presente nella versione del Libro di Mormon in italiano). Chiedi a un volontario di leggere questo versetto a voce alta, e invita la classe a riflettere sulla seguente domanda, “perché il Signore vuole che io comprenda la parola “pelle,” visto che Egli ha ispirato una nuova nota a piè pagina?”

• 2 Nefi 30:6

Sottolinea che nella versione delle Scritture precedente il 1981, la parola “puro” era “bianco.” La nuova nota a piè pagina sulla parola “scaglie” (ndt, il testo italiano non ha tradotto un pronome dall’inglese e,complessivamente, il significato generale è un po’ infelice. Il testo in inglese dice: “and THEIR scales of darkness shall begin to fall…” Il testo italiano invece: “le scaglie di tenebre cominceranno a cader…” La scrittura in inglese dice che le loro differenze di pelle scura –e non di pelle nera- non saranno più notate dai loro occhi del giro di poche generazioni) porta alla guida alle scritture (solo testo inglese) alle voci “TG darkness spiritual, TG spiritual blindness” che intendono “pelle” dal suo significato spirituale, e non fisico.

• Giacobbe 3:8

Leggi e chiedi “Che cosa succederà quando saremo portati davanti il trono di Dio?” Dopo aver ricevuto le risposte, domanda ai tuoi studenti se il Signore ci giudicherà per le nostre apparenze esteriori. Dop che avranno risposto no, spiega che il colore della pelle di cui si parla in questa scrittura non può essere letterale ma, anche qui, spirituale. Leggi questo versetto di nuovo. Chiarisci che è in armonia con tutto quello che avete letto fin ora.

• 3 Nefi 2:15

Fai leggere e chiedi ai tuoi studenti che cosa significa la parola “pelle” in questo versetto. Segui la nota sulla parola “bianca,” che vi porterà su 2 Nefi 5:21, 2 Nefi 30:6 e Giacobbe 3:8 (ndt, solo la versione inglese del Libro di Mormon) e spiega alla classe che non ci sono punti poco chiari. Tutto ci farebbe credere che i Lamaniti avessero una pelle più scura dei Nefiti, ma tutte le nuove note a piè pagina ci aiuta a capire che questi versetti si riferiscono all’oscurità spirituale o alla ciecità spirituale.

Note speciali per gli insegnanti

È molto importante essere spiritualmente ricettivi quando insegnate questo aromento. Ci saranno sicuramente alcuni dei vostri studenti che non capiranno questa nuova luce e conoscenza a causa di tutto ciò che gli è stato insegnato prima. Sarebbe meglio organizzare la lezione avendo almeno 10 o 15 minuti per spiegare alla classe che non è realistico aspettarsi la perfezione dai dirigenti della Chiesa. Abbiamo scoperto che i seguenti passaggi sono di grande aiuto per attenuare l’ansia dei vostri alunni:

Il Signore sapeva che sarebbero stati commessi errori e che i Suoi dirigenti avrebbero anche peccato. Se il Signore lo sapeva, chi siamo noi per giudicare? Cristo è stato l’unico uomo perfetto ad aver camminato sulla terra, mentre tutti gli altri devono essere partecipi della benedizione dell’espiazione per superare le fragilità umane.
DeA 1:24-28 Ecco, io sono Dio e l’ho detto; questi comandamenti vengono da me, e furono dati ai miei servitori nella loro debolezza, secondo il loro linguaggio, affinché arrivino a comprendere. E nella misura in cui errarono, fosse reso noto; E nella misura in cui cercarono lasaggezza, fossero istruiti; E nella misura in cui peccarono, fossero castigati, per potersi pentire; E nella misura in cui furono umili, fossero fortificati e benedetti dall’alto, e ricevessero conoscenza di tanto in tanto.

Una delle maggiori difficoltà che Joseph Smith affrontò fu il legame tra i Santi e le loro tradizioni, cosa che impediva loro di poter abbracciare pienamente il vangelo di Gesù Cristo;

“Ho cercato molte volte, durante questi anni, a preparare le menti dei Santi a ricevere le cose di Dio; spesso però vediamo alcuni di loro, dopo che hanno sofferto tutto ciò che avevano per l’opera di Dio, che vanno in pezzi, come un vetro, non appena notano qualcosa di contrario alle loro tradizioni…Non sono capace di quantificare quanti di loro saranno capaci di sostenere una legge celeste e passare oltre per ricevere la loro esaltazione, perché sebbene molti siano chiamati, pochi sono scelti [vedere DeA 121:40].

Brigham Young si preoccupava molto a che i membri non cadessero nella cieca obbedienza, ma che trovassero le loro conferme spirituali circa le affermazioni dei dirigenti della chiesa:

Io temo moltissimo che questo popolo abbia talmente fiducia nei suoi dirigenti da non sentire la necessità di chiedere direttamente a Dio se esso è guidato da Lui. Io temo che esso si adagi in una condizione di cieca sicurezza, con la certezza che il suo destino eterno è nelle mani dei suoi dirigenti, con la incauta fiducia che potrebbe ostacolare i disegni di Dio sulla sua salvezza e indebolire l’influenza che esso potrebbe avere sui suoi dirigenti se sapesse personalmente, per mezzo delle rivelazioni di Gesù, di essere guidato nella direzione giusta. Possa ogni uomo e ogni donna sapere, per mezzo dei suggerimenti dello Spirito di Dio, se i suoi dirigenti camminano o no sul sentiero indicato dal Signore.” Discorsi, pagina 134

Conclusione

Incoraggia ogni membro della classe a studiare e a pregare su ogni versetto trattato oggi affinché possa ricevere quello che Dio vuole che lui conosca e capisca. Ricorda a ogni membro della classe le nostre sacre alleanze di edificare coloro che ci circondano e di condividere con gli altri la gioia del vangelo. Ricorda loro che se cercheranno il Signore per conoscere queste verità, Egli riempirà le loro lampade con olio affinché possano avere luce per illuminare il sentiero del vagnelo agli altri. Fa sapere ai tuoi studenti che ci sono molte informazioni sul sito “Blacks in the Scriptures” che possono essere di sostegno nei loro studi.
Condivi la tua testimonianza su come tu sei venuto a conoscenza di queste verità e su come lo Spirito ti ha illuminato.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someone